Tiki cocktail: Mai Tai e la sua storia



Raymond Gant nel 1934, apre a Hollywood un bar che chiama Don the Beachcomber Cafè, dove propone cocktail Tiki a base di diversi tipi di Rum miscelati insieme a frutta, sciroppi, spezie e infusi di sua produzione.

Nasce la cultura Tiki

La cultura Tiki è stato un fenomeno che ha influenzato negli anni 30 del secolo scorso, fino agli anni 70, gli interi Stati Uniti. Ci fu un boom di locali e ristoranti a tema polinesiano con giungle ed elementi artificiali.

I drink e i cocktail che venivano serviti in realtà erano dei falsi tropicali, di esotico via era soltanto l’atmosfera dei locali e il loro arredamento. Raymond Gant cambia il suo nome in Donn Beach come il suo locale e insieme all’amico Trader Vic contribuisce alla diffusione dei Tiki cocktail.

Bicchieri Tiki

I Tiki cocktail venivano serviti in classici bicchieri di ceramica dalla forma di facce o corpi umanoidi: i Tiki della cultura polinesiana erano raffigurazioni di divinità realizzate su rocce o legno, dotate di un grande potere spirituale.

I più famosi Tiki cocktail

I più famosi Tiki cocktail sono:

Mai Tai cocktail storia

Il cocktail Mai Tai raggiunge il massimo della popolarità negli anni 50 e 60, veniva servito in ogni ristorante e bar, ancora viene considerato la quintessenza della cultura Tiki. Tuttora non si sa se la paternità del Mai Tai sia di Donn Beach o di Trader Vic in quanto tutti e due rivendicano di aver inventato il cocktail.

Il Mai Tai cocktail ebbe una rapidissima diffusione, comparve sulle carte dei cocktail di tutti i bar degli Stati Uniti, in numerose varianti di fantasia, perché la ricetta originale era segretamente conservata nella testa di Donn Beach.

Per evitare di farsi copiare gli ingredienti delle miscelazioni, nei suoi bar, le etichette dei prodotti utilizzati per la realizzazione dei vari drink, venivano sostituite con dei numeri che rendevano impossibile l’identificazione del Rum utilizzato.

Il Mai Tai di Trader Vic, era molto differente da quello servito da Donn Beach, ma nonostante ciò ha ispirato la creazione dell’attuale ricetta IBA, e la nascita di numerose varianti più o meno valide che si fregiano del nome di Mai Tai in tutto il mondo.

L’americano Jeff “Beachbum” Berry è un locale delle catene di Donn Beach e di Trader Vic, ancora esistenti. È considerato da tutti il massimo esponente e conoscitore di questa cultura Tiki, sulla quale hanno scritto molti libri e addirittura sviluppata una App per Smartphone Tiki+.

Mai Tai cocktail

Categoria: Contemporary Classic

Tipologia: Long Drink

Tecnica: Snake & Strain

Ingredienti

1 ¼ oz: 4 cl: Rum chiaro

¾ oz: 2cl: Rum scuro

½  oz: 1,5 cl: Orange Curaçao

½  oz: 1,5 cl: Sciroppo di Orzata

½  oz: 1 cl: Succo di lime fresco

Preparazione

Versare gli ingredienti in un boston pieno di ghiaccio, shakerare e filtrare con lo strainer in un tumbler alto colmo di nuovo ghiaccio. Questa è la ricetta IBA che semplifica molto la preparazione originaria del cocktail.

La versione originale di Donn Beach del Mai Tai

1 oz di Ron cubano invecchiato

1 ½ oz di Rum scuro Jiamaicano

½  oz di Cointreau

½  oz di succo di pompelmo rosa

½  oz di Falermun

½  oz di succo di lime

6 drops di Pernod

1 dash di Angostura Bitters

Per la preparazione il tutto va shakerato e servito con ghiaccio tritato.